News del Club

Nives Meroi e Romano Benet: “In Cima, insieme”

MeroiBennet“In cima, insieme” è il racconto di una storia cominciata (male) e finita (bene) sul Kangchendzonga, la terza vetta più alta della Terra, una delle più difficili da scalare.

Una storia epica, non solo di alpinismo, ma soprattutto d’amore e di crescita interiore.

Siamo nel 2009 e Nives Meroi è in corsa con altre due alpiniste per diventare la prima donna ad aver conquistato i quattordici Ottomila del pianeta. Come ha sempre fatto, affronta il Kangch, la sua dodicesima cima, in cordata con il marito Romano, e senza “sconti”: né portatori d’alta quota, né ossigeno. Allo stesso tempo, mentre i media spettacolarizzano l’impresa, Nives non è insensibile alle sirene della fama, che la stanno trascinando in un gioco che non le appartiene.

Ma a poche centinaia di metri dalla vetta Romano non si sente bene e si ferma. Che cosa sceglie di fare, allora, Nives? Proseguire da sola, conquistando un’altra cima utile per la vittoria, come molti le avrebbero suggerito? No, lei non esita: abbandona la gara perché non può lasciare Romano solo ad aspettare. Così si conclude il primo atto di questa vicenda.

Ne seguono altri tre, in cui entrano in scena la malattia, la complicità, la capacità di attendere, la voglia di reagire senza scoraggiarsi quando si prende una via sbagliata. Per giungere al lieto fine in cui il Kangch si lascia finalmente conquistare da Nives e Romano che, in un confronto leale e puro con la natura, hanno compreso il senso profondo della vita. Ambientato per lo più nell’impressionante scenario himalayano, diario di emozionanti salite, le immagini accompagnano le parole di Nives e viceversa.

E come nelle migliori storie, c’è un finale ulteriore: dopo il Kangchendzonga, Nives e Romano riprendono le loro salite fino all’11 Maggio 2017, quando toccano insieme la cima dell’Annapurna (8091 m), diventando così la prima coppia al mondo ad aver scalato in cordata tutti i 14 Ottomila senza ossigeno e climbing-sherpa.

 

(P.B. Marzo 2019)

Il libro dei 4000 in super offerta!

Tutti 4000In occasione del 25° di fondazione, il Club offre a tutti i soci e non il suo libro, “Tutti i 4000 - L'aria sottile dell'alta quota" (192 pp., 90 foto, prefazione di Kurt Diemberger, in coedizione con Vivalda Editore), al prezzo di € 10 anziché 19,50 (+ spese di spedizione).

Per informazioni e ordini: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

 

Serata fotografica di Giovanni Rovedatti

Serata fotografica del nostro socio Giovanni Rovedatti che si svolgerà  ven 1 marzo ed è organizzata dal Cai di Cusano Milanino. Vedi locandina per info.

20190301 SerataRovedatti

Raffaele Morandini riceve il titolo di Ufficiale dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana

Il Presidente della Repubblica Italiana Sergio Mattarella ha conferito al nostro socio Raffaele Morandini il titolo di Ufficiale dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana [D.P.R. 2 giugno 2018]. https://www.quirinale.it/onorificenze/insigniti/352816

La consegna del titolo di Ufficiale, è avvenuta il giorno Il giorno 19 dicembre 2018 presso la Villa di Rappresentanza della Prefettura di Monza e della Brianza con una cerimonia solenne alla presenza delle più alte autorità militari, civili e religiose. A consegnare il Diploma e la Croce d’Oro di Ufficiale, sono stati S.E. prefetto di Monza Giovanna Vilasi e il sindaco di Seveso dott. Luca Luigi Allievi. Morandini era già Cavaliere dell’Ordine al Merito, che è il più alto degli ordini della Repubblica Italiana.

Ufficiale Raffaele Morandini con il Sindaco Luca Allievi.JPG

Sempre nel 2018 il nostro socio Raffaele Morandini aveva ricevuto dalla Fondazione Carnegie per gli atti di eroismo, che ha sede presso il Ministero dell’Interno, un altro importante riconoscimento per un soccorso notturno, in inverno, in montagna. La Benemerenza della Fondazione è firmata dall’ammiraglio della Marina Militare Gaetano Melini, e Morandini è stato l’unico civile insignito nel 2018. La motivazione si può leggere in questo articolo di giornale.

Benemerenza per l'eroe Morandini.jpg

Al nostro socio Morandini le congratulazioni più vive dal Club 4000.

 

(P.B. - Gennaio 2019)

Assemblea 2018 - Consiglio Direttivo e Verbale

Nel corso dell'Assemblea dei soci del 24 novembre 2018 al Palamonti di Bergamo, di cui trovate il verbale, è stato eletto il Consiglio Direttivo per il triennio 2018 - 2021, che risulta così composto:

 LucaCalzone

Presidente

Luca Calzone (1969)

Residente a Ghemme è impiegato in una grossa azienda alimentare del novarese. Le due passioni della fotografia e dell'alpinismo si sono fuse in un'unica grande ricerca e sperimentazione nella fotografia di montagna. Nel settembre 2009 è entrato nel Club 4000 ed al momento ha raggiunto 66 4000 delle Alpi.

PaoloBrunatto

Vice Presidente

Paolo Brunatto (Collegno 1962)

Residente a Collegno, è laureato in scienze dell'informazione e lavora come account manager per SCAI Consulting. Appassionato di montagna e soprattutto di alpinismo. Socio del CAI di Rivoli ed iscritto al Club dal 2011 cerca di salire ancora qualche nuovo 4000 ma ne ha già raggiunti 44.

ElenaSalamon

Segreteria

Elena Salamon (Torino 1969)

Residente a Torino, laureata in lettere e filosofia, dirige una piccola galleria d’arte in città. Cintura nera secondo dan di Ju Jitsu. Aspirante istruttrice nel CAI di Chivasso. La bellezza dell’alta quota riesce sempre a meravigliarla. Ha salito 31 vette superiori ai 4000 metri.

 AlbertoCucatto

Tesoriere

Alberto Cucatto (Torino, 1966)

Residente a Torino, è laureato in fisica e lavora per l'Area Ambiente della Città Metropolitana (ex Provincia) di Torino. Istruttore della Scuola di scialpinismo del CAI UGET, nel 2012 ha completato la salita di tutti i 4000. Da allora, le attività in montagna che pratica con maggiore frequenza sono lo scialpinismo e l'arrampicata.

 AndreaTurino

Webmaster

Andrea Turino (Aosta, 1973)

Residente a Torino, è laureato in ingegneria informatica. Nonostante le origini montane, ha scoperto solo in “tarda età" la montagna grazie ai corsi della scuola Motti di Torino, dove oggi è istruttore. In questo ambiente ama fare un po’ tutto, dallo scialpinismo all’arrampicata, dalle cascate di ghiaccio all’alpinismo classico (30 i 4000 all'attivo). Altre sue passioni sono la tecnologia e i viaggi, alla ricerca della natura e alla scoperta del modo di vivere di altri paesi.

 LucaGibello

Comunicazione

Luca Gibello (Biella, 1970)

Residente a Torino, è laureato in architettura e pubblicista. Direttore de Il Giornale dell'Architettura.com, è autore di testi e saggi sulla storia dei rifugi e bivacchi. Nel 2012 ha fondato l'associazione culturale Cantieri d'alta quota, che presiede. Non praticando lo scialpinismo, frequenta i 4000 solo d'estate e ne ha saliti 70.

 ClaudioCasalegno

Consigliere

Claudio Casalegno (Torino, 1974)

Residente a Torino, è laureato in architettura e lavora in proprio nel suo studio. Istruttore e Consigliere della scuola Nazionale di alpinismo Giusto Gervasutti del CAI di Torino. Ha salito 67 vette superiori ai 4000 metri.

 

Il nuovo Consiglio ha inoltre assegnato le seguenti deleghe:
  - Delegata al restauro della Capanna Sella ai Rochers: Daniela Formica
  - Delegato ai rapporti con la Sezione di Torino: Luigi Costa