2007-09-15: CERVINO, una traversata memorabile

Di più
18/09/2007 12:57 #177 da Franz Rota Nodari
COM_KUNENA_MESSAGE_CREATED_NEW
E Cervino fu. Dopo anni che anelavo a questa salita, finalmente è stata messa "in saccoccia". L'allenamento ricavato dai quattro weekend consecutivi, precedenti la salita, oltre quota 4000 mi è veramente utile: nessuno strascico e condizioni fisiche durante la salita perfette (consiglio a tutti di prepararsi adeguatamente a questa salitona)! Mi è compagno Fabrizio (Roveda) dopo che aveva "superato" la prova Grivola dimostrando grande sangue freddo anche in condizioni di maltempo e su terreno infido. Siamo venerdì a Cervinia alla ricerca di un modo per salire un poco in auto, jeep, impianti?ma non troviamo nessuna possibilità e ci rassegniamo a spararcela in toto. In realtà, la salita al Duca degli Abruzzi procede piuttosto bene. Anche dopo si sale per detriti e roccette verso la Testa del Leone. La giornata è ottima se non per una nuvola fantozziana sulla cima, che però si dissolve nel primo pomeriggio. È allora che arriviamo verso il Colle del Leone e possiamo ammirare la meta in tutta la sua magnificenza. Attaccate le rocce si sale per placche, evitando se possibile i canaponi. Ma la nuova Cheminée sarà veramente un cinema: un muretto di VI con il cordone lasco e penzolante. Alla capanna troviamo buona sistemazione e possiamo cenare presto e coricarci dopo un po' di chiacchiere con una guida e altri interessati alla cima: saremo una ventina. La mattina partenza col chiaro (h7) dato che si comincia subito in roccia con la Corda della Sveglia. I tratti successivi richiedono un po' di orientamento, ma la roccia non è così brutta come mi aspettavo, anzi? Traversiamo sopra il Linceul e con la Grande Corde siamo sulla cresta del Tyndall. Qui ci bacia il sole e vediamo la Testa del Cervino. La salita procede ora aerea su roccia buona. Proseguiamo in conserva. Ci sono chiodi per proteggersi. Il panorama è mozzafiato, la giornata pure. Dopo la traversata piatta del Pic Tyndall, siamo con l'Enjambé alle rocce della Testa. Dopo un po' di belle placche ecco ricomparire i canaponi. Un muro duro e siamo alla mitica e tanto anelata Scala Jordan, che in realtà si rivela più facile dei passaggi precedenti. In vetta sembra di volare, tanto la sensazione di vuoto è forte. Abbiam impiegato 5h30. Fabri è stanco, ma lo vedo ancora in forze. Si prosegue alla vetta svizzera e giù verso il baratro. C'è neve dura e con peste ottime: condizioni ideali. In breve raggiungiamo un quartetto di padovani e iniziamo le doppie lungo i canaponi. Con 3 corde riusciamo a snellirci, ma la compagnia è troppo lenta e il tempo passa, ma la via non è comunque lineare. Dopo troppo siamo alla Capanna Solvay a 4003 metri. Tuttavia, la meteo è ottimale, abbiamo viveri, acqua e da coprirci, se proseguiamo arriveremmo sicuramente col buio e la discesa a detta dei padovani è complessa, quindi, piuttosto che dormire in rifugio optiamo per il bivacco. La notte passa indenne dopo uno spettacolare tramonto. L'indomani scendiamo con la prima luce, incrociando le cordate che salgono. Alla Hörnli, una birra e un rösti sono il giusto premio, ma salutati gli amici di Padova, la nostra giornata è ancora lunga: scesi a circa 2600, risaliamo ai 3300 del Colle del Teodulo donde per le interminabili piste a Cervinia e in valle per un'ottima selvaggina e costata finale.
Che dire? Una salita da fare prima o poi nella vita. Piuttosto faticosa, ma non difficile. Molta attenzione da porre nella discesa. La vetta è un ricordo indelebile! Poi ci sono alpinisti veri (Espo) che dicono: "Mica perdo il mio tempo su cagate come il Cervino" ed in effetti?si tratta di una "passeggiata", di una via molto attrezzata, ma io aggiungo il mio parere: <Il Cervino è come una bella donna appariscente...che se l'avvicini ha però l'alito pesante...e per conquistarla devi portarla a cena in un ristorante lussuoso e pagare tu!!!!>. Le corde fisse sono un bel deterrente, ma sono innegabilmente essenziali per delle schiappe come me?in ogni caso, ribadisco, quale miglior regalo per il mio imminente trentesimo compleanno! Un grazie a Lorenzo, Enrico, Pino e Beppe (i padovani) per la squisita compagnia e a Fabri che con 63 primavere mi può ancora "bagnare il naso" ;-) .

EccoLo avvolto dalla nuvola fantozziana. Sulla cresta di sinistra si intravede la Capanna Carrel.


Verso il Colle del Leone


Placche sopra la Testa del Leone


Fuori dalla Cheminée


Ormai alla capanna.


Serata rilassante?in terrazza.


La Corda della Sveglia sopra la Capanna.


Nei pressi del Mauvais Pas


Fuori dalla Grande Corde.


In cresta verso il Tyndall.


Spunta la Testa del Cervino.


Dietro di noi la Dent d'Heréns


La Testa del Cervino.


Verso l'Enjambée.


Sulla cresta del Tyndall.


Il Pic Tyndall.


La mitica Scala Jordan


Sulla scala verso il cielo?





Dalla Scala.


Dalla vetta italiana a quella svizzera.


Sulla Nord.


La vetta italiana.


Dalla vetta svizzera su Vallese e Rosa.


Il primo tratto infido dell'Hornly.


La Testa del Cervino con le Placche Moseley.


L'ombra del Cervino sulla Hornlihutte.


La Solvay hutte: panorama di prim'ordine.


Tramonto sul Rosa.


La Dent Blanche.


La mattina sotto la Solvay.


Nuvole sulla cresta Teodulo ? Furgenn.


Verso la fine della cresta.





Risalendo al Teodulo (paesaggi lunari) con la cresta NE discesa.

Si prega Accedi a partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.249 secondi
Powered by Forum Kunena