FLETSCHORN: parete N, via dei Viennesi

Di più
24/06/2008 10:57 #315 da Franz Rota Nodari
COM_KUNENA_MESSAGE_CREATED_NEW
Chiedo venia a tutti...

ancora una volta non a 4000 ;-) per pochissimo...
e su una cima per di più già salita...che schifo, eh ;-) !!!

condizioni in quota ottime
la nord della Lenzspitze e del Lyskamm sembravano eccellenti.

Partorita al Bar delle Placche Zebrate domenica scorsa, anche questa gita, alla luce delle ottime condizioni di innevamento in quota si è presto concretizzata.
E' la cima e il versante che tutti almeno una volta passando dal Passo del Sempione non hanno potuto non guardare. Passivamente o con la ricerca di qualche linea. Dallo scialpinista, al ghiacciatore, al passeggiatore.

Arriviamo al parcheggio di Rossboden sabato alle 12. Siamo io, Arsenio e Gianfri. La macchina di RobBoletti, Andrea e Sandro è già parcheggiata: loro ci precedono di qualche ora. Oltre alla loro un'altra macchina ci desta preoccupazione. Il BIVACCO DE ZEN ha 9 posti e si rischia di superare il numero massimo. Invece incontriamo due che scendono e che han fatto sabato la NORD riferendoci condizioni ottime sulla parete. Con calma arriviamo al nostro nido d'aquila dove con gli altri aspettiamo uggiando l'ora di cena. Arrivano anche due svizzeri con le nostre stesse intenzioni. Partenza alle 4 dal bivacco. In 1 ora siamo all'attacco legati e pronti ad affrontare la parete che sembra proprio invitante. Il sole arriva in breve a baciarci. Uno svizzero solitario di una certa età ci sorpassa partendo direttamente da fondovalle! La neve è ottima e le tracce dello svizzero entrano solo per la profondità dello scarpone. Io e Arse seguiamo la sua linea diretta ai seracchi posti a sinistra. I soci stanno più a destra. In molti tratti la neve è pressata dalle valanghe del pomeriggio precedente. L'uscita di chi ci ha preceduto il giorno prima è sulla destra. Alcune guide la indicano come classica. Lì vanno anche Gianfri e Sandro. Noi proseguiamo dritti con conserva, ora protetta con qualche vite, su ghiaccio discreto e neve dura. Ora, cambiata direzione, ci seguono anche Rob e Andrea. L'uscita è piuttosto delicata in quanto su neve fonda non proteggibile. La pendenza di questa variante diretta è maggiore dell'altra (60°, forse meno) e raggiunge i 65°.
Qui un'immagine di SP (credo datata) presa dalla cresta opposta: si vede bene la linea seguita posta tra il confine ombra/sole.
www.summitpost.org/images/original/412537.jpg
Giunti al plateau sommitale la vista spazia sul Vallese. Dalla vetta (3997m) in breve all'anticima 3930 e giù per i 500 metri della Breitloibgrat (PD): fino all'ultimo bisogna porre attenzione ai passaggi rocciosi e alla neve non sempre portante anche se ottimamente tracciata. Traversato il ghiacciaio dal bivacco corriamo alla macchina per concludere questa piacevole due giorni. Un'altra nord (tra l'altro abbastanza prestigiosa) è stata portata a casa e in queste ottimali condizioni è stata gustata proprio appieno. Bella compagnia. Bravi tutti. Bravo Arsenio che ne continua ad inanellare una dietro l'altra stupito delle ottimali condizioni?ma non è sempre così, caro ;-(


I prati sono in fiore?ma in alto tanta neve prospetta una salita ottima


Il pomeriggio passa piacevolmente nel bivacco. Inventandosi quel che si può ;-)


La parete si mostra a noi nella sua vastità.


E una faccia ;-) incattivita ci guarda...torneremo anche per accarezzarti il profilo ;-)
ossolaclimbing.org/node/47


Il bivacco de Zen è proprio un bel nido d'aquila.


All'alba si intuisco le sagome delle cime circostanti...sempre un magico momento. Non ci si stancherà mai dell'arrivo del sole in quota. A sinistra la piramide del Finsteraarhorn. A destra il Leone.


Il sole infiamma la cresta sommitale. Ormai siamo in ballo.


Inondati dalla luce.


Dietro due svizzeri che han passato la notte con noi e un solitario da fondovalle.


La neve è da buona a ottima. Le valanghe pomeridiano però tendono ad eroderla per gravità. Si noti il ghiaccio e lo spessore della neve. La parete fa presto a diventare un "incubo" o comunque moooolto lunga e faticosa!


Scegliamo la via più diretta seguendo rigole di neve ben pressata. Solo talvolta si arriva con le punte al ghiaccio sottostante.




Gianfri e Sandro sul traverso a destra per l'uscita.


In alto si intravede il solitario che ci ha raggiunti e superati!


Le becche delle picche cominciano a "divertirsi" ;-)


Anche Rob e Andrea dopo un tentennamento iniziale si mettono sulla "retta" via ;-)




Andrea in uscita.. tocca il cielo con un dito...


Arse segue fiducioso e sempre sorridente!


Ultimissimi metri


Sul plateau sommitale




E' vetta! Dietro il Lagginhorn con la cresta percorsa quest'estate.
E il Rosa in mezzo?


Siamo proprio sopra le nuvole!!!
Notare questa foto di Leo per confrontare l'innevamento!!!
img253.imageshack.us/img253/7080/fletsch9ph8.jpg
postata in una precedente discussione (a quando risale?)
www2.on-ice.it/onice/viewtopic.php?t=2275



Sull'anticima donde parte la Breitloibgrat: si vedono le ripide tracce (esposte) sul pendio a sinistra


Arse scruta la discesa sul precipizio...


Ed eccolo in azione


E poi lungamente giù...


Uno sguardo alle spalle...


E uno zoom sul percorso



Ciaooooooooooo

Si prega Accedi a partecipare alla conversazione.

Di più
24/06/2008 16:52 #316 da Franz Rota Nodari
COM_KUNENA_MESSAGE_REPLIED_NEW
Aggiungo due foto di Gianfri alla nostra cordata , mentre stava traversando a destra.




Si prega Accedi a partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.416 secondi
Powered by Forum Kunena