L'altra faccia dello STRAHLHORN (parete S)

Di più
03/06/2009 15:00 #466 da Franz Rota Nodari
COM_KUNENA_MESSAGE_CREATED_NEW
Ci sono molte vette STRAfrequentate che nascondono versanti a torto snobbati dove è possibile trovare ancora della sana avventura e solitudine. È questo il caso dello Strahlhorn. Sono anni che ne osservavo il versante sud con possibile partenza da Macugnaga e pernottamento al Bivacco Città di Luino, un vero nido d'aquila. In seguito, ho valutato l'accesso sciistico dal Lago di Mattmark, in fondo alla valle di Saas (e ciclistico), ma la lunghezza ci fa desistere. La via di salita prescelta era la cresta Sud o qualche (incognita) variante sulla parete SW. L'uscita di due francesi di 10 giorni fa letta sul web alla VIA degli INGLESI (AD+, 600m, 50/60°) alla parete SW, fa scattare la scintilla per l'organizzazione di questa gita. Partenza in funivia da Saas Fee fino a Felskinn. Siamo io con gli sci e il Botto ciaspolamunito. Da qui giungiamo, alla Britanniahutte donde scendere sul ghiacciaio d'Allalin. Invece che proseguire verso l'evidente Strahlhorn, traversiamo lungamente a sinistra per arrivare al Hangende Gl. Joch (presso l'Inner Turre), 3300m. Qui, il tempo peggiora sensibilmente e comincia una fitta nevicata. Dopo aver valutato se proseguire o meno, scendiamo per 500 m (io sciando) sul Schmarzberggletcher. Ora non ci resta che salire lungamente al bivacco che si affaccia sull'Italia, verso Macugnaga. La nebbia e la tempesta renderanno la salita difficoltosa, soprattutto nell'ultimo tratto ripido e crepacciato. Ivi giunti, la sua umidità, già noi siamo fradici, ci aggiunge sconforto. Ceniamo e tentiamo di asciugare le nostre cose. Fuori nevica, domani si vedrà. E domani quando guardiamo fuori, la stellata non impiega molto a convincerci sul da farsi. In breve, traversando su neve siamo alla base della prima parete di 300m. La neve di ieri non da particolarmente fastidio e i ramponi mordono bene la neve ghiacciata sotto. Giungiamo al pianoro intermedio e superata la delicata crepaccia terminale affrontiamo la seconda parete di 300m più ripida e continua. Il panorama intanto spazia su Rosa e 4000 del Vallese. Quando rompiamo la cornice e sbuchiamo sul plateau sommitale invaso dagli scialpinisti del versante opposto l'emozione è molta. Una sosta in cima e poi giù verso la Britannia, dove la polvere caduta nella notte rende la discesa libidinosa. Non molto per Botto che soffre ovviamente i numerosi tratti piani della parte bassa. Giunti alla Britannia, dopo la birretta di servizio, e due chiacchiere col Catena di ritorno dall'Allalinhorn, arriviamo alla Felskinn, dove Botto scende in funivia con il mio zaino e io mi scio in rilassatezza totale le piste deserte fino a circa 2000 m con un paio di togli-metti.
Insomma, una gita agognata e indovinata. E bravo al Botto che era in gran forma. Ne fa poche, ma buone?evidentemente seleziona ;-)

Ecco le foto:

Lo Strahlhorn dall'Allalingletscher


Presso l'Inner Turre comincia la bufera


Finalmente il Bivacco Città di Luino


Dentro cercando di togliere e togliersi l'umidità


A piombo sotto di noi la valle di Macugnaga. A destra il Ghiacciaio del Belvedere.


La mattina, la nostra meta.


La mastodontica parete Est del Rosa


L'alba


La prima e la seconda parete della via


Il Rosa si infiamma


I giganti vallesani: Dent Blanche, Ober Gabelhorn, Zinalrothorn


Il primo canale


Plateau intonsi


A metà del primo canale


I pianori attraversati: il bivacco è a sinistra sulla cresta al sole. Panorama sublime.


A destra del Rosa compaiono Lyskamm, Castore e Polluce.


La parete di 300 metri.


Momenti magici sul plateau sospeso tra le due pareti.




E vai di parete


La neve è ottima e facile




Avanti Botto, oggi in gran forma!




Uscendo dalla parete, in vista della vetta.


Mastodontico Rosa: Signal, Gnifetti, Zumstein, Nordend (che nasconte la Dufour)


Bianco, Cervino, Gran Combin e l'uscita della nostra via.


Dalla vetta: panoramica dal Rimpfischorn al Lago di Mattmark con la discesa.


La vetta e dietro Weisshorn e Rimpfischorn


La cresta ove sorge il nostro bivacco. L'itinerario di accesso e quello per la vetta.


Ottima discesa in polvere






E il Botto segue a ruota

Si prega Accedi a partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.185 secondi
Powered by Forum Kunena